Impianto fotovoltaico – scheda

AUTOPRODURRE LA PROPRIA ENERGIA

 

NOTA

Le schede Build Energy intendono fornire elementi di massima per la conoscenza e la valutazione dei componenti trattati.
I calcoli ed i valori sono riportati in maniera appositamente indicativa e non tengono conto di alcuni fattori specifici per il preciso calcolo dei fabbisogno e dei risparmi conseguibili; calcoli che devono essere necessariamente rimandati alla vera e propria diagnosi energetica dell’immobile e del caso da analizzare.


COME FUNZIONA
  • Costituito da un insieme di componenti (moduli fotovoltaici, inverter, quadri elettrici, cavi), permette lafotovoltaico casa trasformazione dell’energia solare in energia elettrica
  • L’energia elettrica prodotta viene in parte consumata dal produttore (autoconsumo), mentre la restante parte viene ceduta alla rete elettrica
  • La parte autoconsumata rappresenta la parte di risparmio sulla bolletta, la parte ceduta viene remunerata attraverso l’erogazione di un compenso (scambio sul posto) concesso dal Gestore dei Servizi Energetici (Gse), di proprietà dello Stato italiano
VANTAGGI GENERALI
  • Sistema per auto-produrre energia elettrica
  • Con appositi adeguamenti agli impianti, può essere installato per l’auto-produzione di tutto o gran parte dell’intero fabbisogno energetico dell’edificio: energia elettrica, riscaldamento, acqua calda sanitaria
  • Tutta l’energia prodotta viene valorizzata economicamente: la parte autoconsumata riduce la bolletta, la parte ceduta costituisce un ricavo (Scambio sul Posto – euro 0,14/kWh elettrico, indicativo)
  • La stabilità e l’affidabilità della tecnologia e dei componenti utilizzati ne permette una durata molto elevata
  • Detraibilità fiscale prevista per la Ristrutturazione Edilizia (50% fino alla fine del 2015)
CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO
  • Il posizionamento dei moduli richiede un adeguato orientamento degli stessi verso l’irraggiamento solare; tuttavia, anche in caso di orientamento non ottimale, la redditività energetico-economica risulta quasi sempre molto elevata (il 90% degli impianti fotovoltaici realizzati non è orientato perfettamente a sud)
  • La buona produttività dei pannelli fotovoltaici è generalmente garantita per l’80%-85% fino al 25° anno dalla data di installazione
  • Oltre a tale periodo, la produttività dei pannelli è da considerarsi ragionevolmente buona, portando la durata attesa degli stessi fino a 35-40 anni
  • L’inverter deve essere sostituito indicativamente al 10°/15°anno, dopodichè l’impianto fotovoltaico è da considerarsi nuovamente altamente produttivo
DOVE PUO’ ESSERE INSTALLATO ED ESIGENZE D’INSTALLAZIONE
  • Si installa solitamente su qualsiasi copertura e tetto di un edificio; anche su pensiline o gazebo per una buona combinazione di esigenze di produzione di energia rinnovabile ed ombreggiamento
INCENTIVI
  • Gode della detraibilità per Ristrutturazione Edilizia (50% fino alla fine del 2015)
  • In alternativa alla detraibilità fiscale, è possibile ottenere gli incentivi dei certificati bianchi, erogati dal Gse (Gestore Servizi Energetici)
ECONOMICS

Nota

  • Ogni valore qui riportato è da considerarsi indicativo; inoltre, i valori di spesa non sono da considerarsi preventivi di spesa di Build Energy
  • I calcoli dei risparmi e del rendimento finanziario si riferiscono ad un’ipotesi di attuali consumi a gas metano; in caso di gpl, i risparmi aumentano ulteriormente, a causa del maggior costo gpl/kWh termico.

ESEMPIO

CONSUMI ENERGETICI

Spesa di energia elettrica annua – euro 800
pari a circa 3.600 kWh elettrici

RISPARMI

Ipotesi di installazione di un impianto fotovoltaico da 3kW, per una produttività ipotizzata pari ai consumi annui dell’utenza (3.600 kWh)

  • A.Risparmio primo anno da installazione dell’impianto fotovoltaico:
    autoconsumo (28% – 1.000 kWh x 0,20 euro/kWh elettrico) – euro 200
    ricavo da Scambio sul Posto-Gse (cessione alla rete elettrica) (72% – 2.600 kWh x 0,14 euro/kWh elettrico) – euro 360
  • B.Detrazione fiscale annua (primi dieci anni) – euro 375
  • A+B.Risparmi totali annui – euro 935

INVESTIMENTO

  • Spesa sostenuta per installazione dell’impianto fotovoltaico (ipotesi) – euro 7.500

RENDIMENTO FINANZIARIO

Nel calcolare il rendimento finanziario, si considerano due diversi periodi di riferimento:

  1. Primi dieci anni, durata fruizione detrazione fiscale: come flusso di cassa positivo si considera la somma tra risparmi energetici e risparmi fiscali da detrazione fiscale, i risparmi energetici sono indicizzati a titolo di esempio al 3% annuo (media euro 650 1°-10°anno)
  1. Dall’undicesimo anno: si considera il solo risparmio energetico, incrementato del tasso del 3% annuo (media euro 890 11°-20°anno)

INDICI

  • Rapporto risparmi totali / investimento (euro 1.025 / 7.500) – 14% annuo nei primi dieci annirisparmio energetico
  • Rapporto risparmi energia / investimento (euro 890 / 7.500) – 12% annuo dall’undicesimo anno
  • Risparmi energia totali in 20 anni / investimento (euro 15.400 / 3.750) – 410%

 

 

 

Cristiano Venturi – Build Energy

c.venturi.buildenergygroup@gmail.com

Annunci

2 pensieri su “Impianto fotovoltaico – scheda

  1. Pingback: sistema integrato: generatore ibrido / impianto fotovoltaico – scheda | Build Energy News

  2. Pingback: Risparmiare sul riscaldamento attraverso l’impianto fotovoltaico già installato | Build Energy News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...